L’Azerbaigian, un paese esotico dell’Eurasia, ricco di patrimonio storico, culturale e naturale, è il tipo di luogo che ti farà chiedere perché più persone non lo visitano. E andrà benissimo per coloro a cui piace prendere “la strada meno battuta”. L’architettura, le persone, la moda, il cibo e la cultura sono una miscela perfetta di Oriente e Occidente e il mix di eredità persiana, turca e sovietica lo rende un luogo come nessun altro.

Quindi ora che ci sono stato e l’ho fatto, posso elencare alcuni motivi per cui dovresti visitare l’Azerbaigian.

Contenuto estivo

  • 1. La sua natura incontaminata
  • 2. Stazioni sciistiche
  • 3. Baku
  • 4. Sheki
  • 5. Villaggi
  • 6. Il popolo
  • 7. Vino caldo
  • 8. Non è “turistico”
  • 9. Gobustan
  • 10. La cucina
  • Dovresti visitare l’Azerbaigian; È conveniente

1. La sua natura incontaminata

Vale la pena visitare l’Azerbaigian durante l’inverno, l’estate e la primavera. Gli amanti delle montagne devono aggiungere questo posto alle loro liste perché panorami strabilianti sono ovunque nelle maestose catene montuose del Caucaso. In inverno sono bianchi e marroni e belli in modo rude. E tra queste imponenti montagne ci sono cascate e ruscelli ghiacciati che sono nascosti ma meritano una passeggiata. E i laghi ghiacciati come quello di Gabala sono incredibili.

In primavera si trasformano in un verde lussureggiante e ti toglieranno il fiato.

Per quelli di voi che non vogliono fare escursioni o spedizioni da soli, potete trovare gruppi con cui collaborare su facebook.com e couchsurfing.com.

2. Stazioni sciistiche

Shahdag è perfetto per una breve vacanza sugli sci, questo è garantito. Pensa a un vero e proprio paese delle meraviglie invernale, meno affollato, più economico delle località sciistiche più famose del mondo e un’ottima opzione, non importa quanti anni hai o con chi viaggi. Quello è Shahdag.

I resort principali sono Shahdag Hotel and Spa, Zirve Hotel, Park Chalet e Pik Palace. Sono perfetti per sciare, rilassarsi, esplorare le montagne del Caucaso e fare un giro su molti impianti di risalita con viste diverse.

È una buona idea prenotare in anticipo le camere tramite booking.com o siti simili.

3. Baku

È vero quello che si dice che Baku sia la “Parigi del Caucaso”. La capitale, conosciuta anche come Baki e “Città dei venti”, ha viali fiancheggiati da edifici in stile Beaux Arts e una passerella lungo il Mar Caspio, perfetta se ti piace fare lunghe passeggiate.

Quando sei a Baku, assicurati di visitare Nizami Street (soprattutto di notte), Icheri Sheher (città vecchia), Fountains Square e Maiden Tower (patrimonio dell’UNESCO) e le Flame Towers. Ha anche notevoli monumenti contemporanei come l’Heydar Aliyev Center progettato da Zaha Hadid e le Flame Towers.

Inoltre, c’è un fuoco di gas naturale che brucia continuamente chiamato Yanar Dag su una collina a nord di Baku, il che spiega perché la nazione è chiamata “Terra del fuoco”. Gli antichi zoroastriani lì adoravano il fuoco.

4. Sheki

Sheki è una piccola città alle pendici delle montagne del Grande Caucaso. È ricco di architettura islamica, storia della Via della Seta e cibo delizioso. Non visitare questa città tranquilla, magica e affascinante è un errore commesso dalla maggior parte dei viaggiatori.

Alcuni posti da visitare a Sheki sono il caravanserraglio, il Palazzo di Sheki Khan (Khan saray) e i negozi di dolci locali. Inoltre, mentre sei lì, prova i “piti”, una zuppa con agnello e ceci, da un ristorante locale, e passeggia semplicemente per le strade.

5. Villaggi

I villaggi remoti dell’Azerbaigian sono davvero belli e solo i viaggiatori più determinati possono effettivamente arrivarci, il che li rende ancora migliori. I loro abitanti potrebbero non parlare inglese, ma sono alcune delle persone più ospitali che tu abbia mai incontrato.

Alcune persone in villaggi come Xinaliq (pronunciato come Khinaliq) si guadagnano da vivere ospitando i viaggiatori e dando loro una stanza in cui soggiornare nelle proprie case, compreso il cibo e le visite guidate del loro villaggio. Le loro altre fonti di reddito sono gli animali e l’agricoltura. Dì sempre di sì al cibo che offrono come patate, formaggio, latte e pane (soprattutto le patate perché sono assolutamente deliziose) perché è tutto biologico e sano.

6. Il popolo

Sì, di nuovo le persone. Sono ospitali, amichevoli, curiosi di sapere da dove vengono i turisti e sempre felici di incontrare i viaggiatori.

La maggior parte di loro non parla inglese, ma molti parlano russo. La cosa più ammirevole è che, anche se la comunicazione è difficile, cercano di aiutarti in ogni modo possibile.

7. Vino caldo

Questa bevanda analcolica, agrodolce è l’opzione migliore in inverno. Se hai intenzione di soggiornare in una stazione sciistica, puoi prenderlo nei bar nelle vicinanze e godertelo con la vista delle candide montagne.

Oltre ad essere una nazione produttrice di olio e la Terra del Fuoco, l’Azerbaigian è anche terra di vino con una lunga storia di produzione di vino. Gli archeologi hanno persino trovato resti di vini del secondo millennio aC.

8. Non è “turistico”

Il turismo è in aumento nel paese, ma l’Azerbaigian non è ancora eccessivamente affollato, specialmente nei luoghi lontani da Baku. I viaggiatori con lo zaino in spalla sono luoghi rari e la maggior parte dei turisti sono arabi o famiglie che limitano i loro viaggi a soggiorni meno avventurosi a Baku e Shahdag.

Questa è un’ottima notizia per quelli di voi che mirano ad andare fuori strada. Significa più opportunità per esplorare in pace, sperimentare e studiare la propria cultura.

9. Gobustan

Su 800 vulcani di fango nel mondo, l’Azerbaigian ne ha 350. Lordo? Non proprio. Sono piuttosto affascinanti da guardare. I vulcani di fango possono vomitare molto fango e gas di idrocarburi. Fungono anche da pozzi di esplorazione e aiutano a conoscere la formazione di petrolio e gas. E la cosa migliore è che sono a Gobustan, che non è lontano da Baku.

Questo luogo è noto anche per incisioni preistoriche o petroglifi, un must da aggiungere agli itinerari degli amanti della storia. Questo sito patrimonio mondiale dell’UNESCO ha più di 6000 incisioni rupestri risalenti a un periodo compreso tra 5000 e 40000 anni fa.

10. La cucina

La ricca cucina dell’Azerbaigian non ti deluderà. Quindi non perdere il cibo autentico quando sei lì. Alcuni piatti che devi provare sono;

  • Piti: È una zuppa in umido con agnello e ceci. Questo piatto popolare, soprattutto a Sheki, può contenere anche castagne e patate.
  • Kebab: Fatti con diversi tipi di carne marinata e macinata, pollo, pesce e verdure come pomodoro, cipolla e funghi, i kebab sono diffusi in tutto il mondo. Ma quando sei in Azerbaigian, sarebbe un peccato perdere la loro versione.
  • Dolma: questo piatto è popolare anche in Medio Oriente, ma la versione azerbaigiana ha un sapore diverso. Le foglie di cavolo o le foglie di vite sono ripiene di carne macinata, riso ed erbe aromatiche.
  • Plov o pilaf: Ricco di zafferano, cannella e altre erbe aromatiche, carne amica o pollo e verdure, questo piatto è semplicemente delizioso.
  • Lavangi: questo è un altro piatto appetitoso composto da pollo ripieno di erbe e noci. Hai ancora fame?
  • Pakhlava: A chi non piace il dessert? Il pakhlava dell’Azerbaigian, che è costituito da strati di pasta con noci e miele, è una delizia assoluta

Dovresti visitare l’Azerbaigian; È conveniente

Non ci sono molti posti che sono allo stesso tempo esotici e convenienti. L’Azerbaigian è una buona opzione anche per le persone normali.

C’è una sensazione incredibile che deriva dall’esperienza della cultura autentica di una terra straniera, motivo per cui è molto meglio essere un viaggiatore e non solo un altro turista.

Non si può negare che ci sono così tante affascinanti destinazioni che si sono trasformate in affollati centri turistici e riescono ancora a rimanere affascinanti ma a volte ciò di cui abbiamo bisogno è un biglietto di sola andata, un paese o una città di cui i nostri amici non hanno sentito parlare o no piani fissi.