Vuoi sapere molte piu informazioni sul punto g della donna? In questo articolo vi diciamo da dove viene il punto G, dove si trova il punto g della donna e vi sveliamo anche alcuni consigli su come arrivare al punto g della donna. Continua a leggere e scopri molte piu informazioni su questo “pulsante magico” che non lascia nessuno indifferente.

dov’e il punto g per le donne

Il punto G femminile prende il nome da Ernst Grafenberg, lo studioso che lo scopri, anche se la maggior parte delle persone lo chiama semplicemente punto G. Questo studioso era un ginecologo tedesco che si dedico allo studio del tratto genitale femminile, concentrandosi su un campo molto avanzato per l’epoca. Cosi, attraverso varie indagini, Grafenberg scopri uno spazio speciale situato nei genitali delle donne che in seguito sarebbe stato chiamato il punto G.

Il punto G femminile si trova appena intorno all’area dell’uretra, concentrandosi principalmente dietro l’osso pubico. Si trova anche nell’uretra piu spugnosa, molto vicino a dove si trovano le ghiandole di Skene.

Attualmente si ritiene che gran parte degli orgasmi che danno piu piacere alle donne siano dovuti alla stimolazione del punto G. Questi sono orgasmi che sono davvero piacevoli per le donne, che le rivitalizzano e danno loro molta eccitazione.

Molte persone credono anche che l’orgasmo attraverso la stimolazione del punto G sia il motivo per cui l’eiaculazione si verifica nelle donne.

Va notato che il punto G femminile e sempre meglio stimolato quando viene spinto in modo contrario a come fa il pene quando entra nella vagina della donna per eccitare il clitoride.

Per trovare il punto G in modo efficiente e possibile rivedere diverse immagini rivedendo le aree indicate nei genitali della donna per poter cercare bene il punto G e trovarlo nella pratica senza grossi problemi.

Molte persone ritengono che stimolare correttamente il punto G sia piu importante quando le donne hanno piu di trent’anni, poiche l’area ha una struttura tissutale che le rende piu inclini al piacere. Questa convinzione e molto diffusa e si basa sul fatto che la vagina a questa eta ha un’apertura appositamente studiata per facilitare il raggiungimento di questa zona ed e per questo che la stimolazione sara assolutamente necessaria per raggiungere l’orgasmo.

Va notato che ci sono anche alcune donne che credono che i trent’anni siano il momento culminante della loro salute sessuale per poterne godere veramente.

Come raggiungere il punto g di una donna

Trovare il punto G della donna e convincerla a godersi molto di piu i suoi rapporti sessuali non e impossibile. A questo punto va notato che la maggior parte delle coppie normalmente stimola l’intera area della parete vaginale invece di fermarsi a cercare quello che viene concepito come una sorta di “pulsante del piacere” che potrebbe anche non esistere perche in alcune donne e impossibile trovare.

Ma la verita e che puoi e la solita tecnica per trovare e stimolare il punto G e mettere le dita nella vagina della donna e curvarle verso l’alto, come se volessi dire vieni qui.

E interessante notare come alcuni uomini abbiano una piccola curva nel loro pene quando e eretto ed e per questo che puo essere particolarmente interessante per stimolare efficacemente la parete anteriore della vagina femminile.

Per le donne, questo tipo di curvatura e molto interessante per poter stimolare il loro punto G. Se sanno come sfruttarlo, possono scegliere una posizione ideale in modo che il pene raggiunga il punto G quando le penetra. E se l’altra persona tiene il pene dritto, non succede nulla perche ci sono molte posizioni appositamente progettate per stimolare al massimo il punto G, come la posizione della farfalla.

Questa posizione consiste nello sdraiarsi su un tavolo mentre l’uomo penetra nella donna da dietro, afferrandola sotto i fianchi per tenerla in modo efficiente. Con questa posizione e possibile dirigere il pene completamente direttamente verso il punto G.

Secondo diversi esperti, un altro dei modi migliori per stimolare il punto G femminile e utilizzare qualsiasi tipo di sex toy che sia un po’ curvo ed e per questo che e possibile raggiungere il punto G senza l’aiuto di nessuno. Consigliamo alle donne di provarlo piu volte per vedere i risultati perche, per quanto sorprendente possa sembrare, i cambiamenti ormonali saranno davvero decisivi per l’eccitazione e la sensibilita sessuale in tutte le donne.

Affinche una donna riesca a stimolare efficacemente il suo punto g, si consiglia di massaggiare sempre prima la zona della vulva o dell’ano e quando l’eccitazione e evidente, inserire poi il dito medio nella vagina, curvandola per accarezzare questa parete frontale dove si trova il punto “G”. E meglio cercare all’interno della vagina con tra tre e sei centimetri e premere con decisione. Si notera un tocco ruvido e per stimolarlo bisogna premere piu che sul clitoride.

Una volta rilevato il punto g, dovrai muovere le dita attraverso le diverse zone, provando vari tipi di contatti per vedere come cambia il tono muscolare e la donna prova sempre piu piacere.