Forse l’hai vista rappresentata in alcuni tatuaggi o hai suscitato la tua curiosita a seguito di una fotografia o di un film, ma La Catrina e un simbolo messicano molto piu antico di quello. Spieghiamo le origini e il significato di questa figura popolare che ha varcato i confini: la morte vivente o La Catrina , il teschio messicano.

  • Potrebbe interessarti: 10 usi e costumi del Messico che devi conoscere.

Origine de La Catrina

La prima cosa che dovresti sapere e che La Catrina non e il nome originale di questa figura popolare. Fu Diego Rivera, muralista messicano e amante di Frida Kahlo per un decennio, a coniare quel nome. Tornando alle origini, bisogna risalire all’opera di Jose Guadalupe Posada , illustratore e caricaturista di fine Ottocento, molto critico nei confronti del panorama socio-politico dell’epoca.

La Calavera Garbancera di Jose Guadalupe Posada

Posada inizio la sua carriera come apprendista in un laboratorio litografico, intagliando incisioni su oggetti decorativi, ma ben presto entro a far parte di un movimento artistico che mescolava disegno e scrittura satirica . E cosi che e arrivato a collaborare con importanti media del Paese come El Padre Cobos , El Ahuizote o La Patria Ilusada , diari di battaglia che raccoglievano satire con protagonisti scheletri e teschi.

La maggior parte di questi “teschi” (come e noto anche questo pezzo giornalistico) sono influenzati dal Giorno dei Morti, una tradizione del popolo messicano per ricordare i defunti all’inizio di novembre. Il piu riconosciuto e quello che compare nell’incisione Remate de Calaveras Alegresuna presa in giro dei popoli indigeni che volevano lasciarsi alle spalle le loro usanze messicane . L’illustrazione di Posada recita: “Quelli che oggi sono i ceci in polvere finiranno in teschi deformati”.

La Catrina come La Calavera Garbancera, raffigurata in un’incisione di Posada. | Immagine da: Ibero-Amerikanisches Institut.

Quanto al loro nome, i “garbanceros” erano popolazioni indigene che vendevano ceci e altri prodotti della terra e che, a seguito della loro gentrificazione durante il periodo militare di Porfirio Diaz , rinunciarono alle proprie tradizioni per adattarsi allo stile di vita europeo.

La Catrina di Diego Rivera

Poi venne il muralista Diego Rivera, nel 20esimo secolo, con la sua opera Dream of a Sunday Afternoon in the Alameda Central . In questo dipinto possiamo vedere diversi artisti, tra cui una versione infantile dello stesso Diego Rivera con Frida Kahlo e, a destra, Jose Guadalupe Posada. Proprio al centro possiamo vedere una rappresentazione completa de La Catrina.

Murale di Diego Rivera dove appare La Catrina. | Immagine di: Diego Rivera.

C’e una certa confusione su chi abbia coniato il termine, ma tutto sembra indicare che fu Rivera a battezzarlo in quel modo, nonostante il concetto lo dobbiamo assolutamente a Posada.

Cosa significa La Catrina?

Per Posada, la Calavera Garbancera e una satira dei cambiamenti sociali e politici, mentre questi indigeni disprezzavano le loro origini e costumi e cercavano di europeizzare la loro societa. Per loro era un modo per modernizzare il paese, ma per artisti come Posada e stato un errore totale. Tuttavia, il disegno rappresenta anche il carattere spensierato e festoso del popolo messicano, la celebrazione della morte come parte della vita .

“La morte e democratica, poiche alla fine, belle, oscure, ricche o povere, tutte le persone finiscono per essere dei teschi”.

Per Diego Rivera il teschio messicano non cessa di avere un significato politico, anche se gli conferisce un nuovo significato artistico e lo elogia come immagine tipica della cultura del Paese.

Attualmente, l’immagine di La Catrina e legata all’atteggiamento del popolo messicano nei confronti della morte. E un  simbolo della ricchezza spirituale del paese , essendo questa una delle figure che attualmente sfila per le strade durante i festeggiamenti. E nella citta di Aguascalientes che e maggiormente rappresentato, soprattutto durante la Fiera del Teschio nel Giorno dei Morti.

La Catrina nella cultura popolare

Sebbene questa figura derivi dalla cultura popolare del Messico, La Catrina ha varcato i confini per essere rappresentata in opere in tutto il mondo. Il misticismo trasmesso da questa immagine, uno scheletro in posa burlesca addobbato con costumi francesi del XIX secolo, suscita in egual misura ammirazione e curiosita.

Happy Day Of The Dead Catrina Grey GIF dalle GIF di Diademuertos

Allo stesso modo, ha recitato in diversi cortometraggi e film , come Fino alle ossa di Rene Castillo o La Catrina en tajinera , cortometraggio uscito per commemorare il centenario della sua nascita. Piu recentemente, ha avuto una rappresentazione nel film d’animazione Il libro della vita e, in misura minore, nel film di successo della Disney Pixar Coco .

  • Puoi anche leggere: 10 miti messicani sorprendenti (e terrificanti).

Bibliografia

Analisi del sogno di una domenica pomeriggio ad Alameda Central. Fondazione Proa.

Stampe messicane Jose Guadalupe Posada (1854-1913). Ibero-Amerikanisches Institut.

Fu Diego Rivera a battezzare “La Catrina”, non Posada. Presidenza della Repubblica. 3 febbraio 2009. Citta del Messico.